FIRESTONE WALKER by Quality Beer Academy

Fiore all’occhiello di Quality Beer Academy, progetto creato da Radeberger Gruppe Italia, è il marchio californiano Firestone Walker Brewing Company.

Firestone Walker è un nome di grandissimo prestigio, simbolo di innovazione e gusti straordinari.

Si tratta del risultato di un’ineccepibile reinterpretazione della tradizione brassicola europea, in modo particolare inglese, belga e tedesca.

Le origini del birrificio, oggi con 3 sedi, Paso Robles, Buellton e Venice, risalgono agli anni ‘90, in seguito ad un incontro cruciale, quello tra Adam Firestone (l’Orso) e David Walker (il Leone, suo cognato), i fondatori.

Entrambi legati da una profonda passione per la birra, ma con alle spalle storie ed esperienze diverse, palesano il desiderio di creare un prodotto birraio unico, con una identità ben definita.

La famiglia Firestone aveva terreni dedicati alla viticoltura con annessa cantina, e Adam, che sin da adolescente aveva manifestato più interesse per la birra che per il vino, decide di usare questi terreni per realizzare il birrificio.

La prima cotta dei due fondatori è una birra fermentata in botti di legno, ispirata alle inglesi, la birra DBA (Double Barrel Ale).

Questo prodotto, e il progetto in generale, è dovuto al mastro birraio Jeffers Richardson, assunto dai due soci con la precisa richiesta di replicare lo stile tipico della cittadina inglese Burton Upon Trent.FIRESTONE WALKER

Fu lui a partire per il Regno Unito e a studiare il Burton Barrel Brewing System.

Tornato in America replicò e perfezionò il sistema, brevettandolo come Firestone Union Oak Barrel Brewing System, e realizzando la prima cotta di DBA.

Era il 1996…il birrificio era a tutti gli effetti in attività.

Solo nel 2001 il sito principale di Firestone Walker si stabilirà a Paso Robles.

Dove sarà determinante l’arrivo del giovane e talentuoso Mastro Birraio Matt Brynildson, il quale, grazie alla sua spiccata creatività, favorirà l’elaborazione delle ricette di punta del gigante americano.

Si tratta di ricette innovative e di grande complessità, ma al tempo stesso equilibrate e adatte ai gusti di un incredibile numero di consumatori.

Brynildson, detto “Merlin” (Mago Merlino), frequenta il Kalamazoo College, dove approfondisce gli studi sulle caratteristiche e l’uso del luppolo.

Successivamente studia al Siebel Institute of Brewing Technology e, dopo diverse esperienze da birraio, entra a far parte della famiglia Firestone Walker.

Da notare che, nel 2007, Matt Brynildson si aggiudica il premio Russel Scherer Award for Innovation in Brewing.

Una famiglia di menti fervide quella della Firestone Walker, che si completa nel tempo con l’ingresso di nuovi membri.

Jim Crooks, microbiologo che assieme a Brynildson sperimenta con legno e lieviti selvatici nel progetto Barrelworks.

Eric Ponce Barrel Program Manager, brillante Barrel Manager che collabora a più linee del birrificio, e Josh Wood, Brand Manager

.FIRESTONE WALKER FIRESTONE WALKER

Entrando nello specifico delle produzioni è, indubbiamente, bene partire con la linea principale di Firestone Walker: la Lion & Bear.

Fanno capo a questa linea birre molto diverse tra loro, tutte di grande prestigio e personalità:

  • Easy Jack, Session IPA dall’aroma intenso, con note di melone e agrumi;
  • Union Jack, West-Coast IPA caratterizzata da un gusto ricco dai sapori erbacei e maltati, ma anche di papaya, mango e pompelmo;
  • Mind Haze, Hazy IPA equilibrata, dall’aspetto torbido e opalescente, dominano aromi intensi di frutta tropicale;
  • la serie Luponic Distortion, IPA in continua evoluzione, nelle quali viene, ogni 90 giorni, modificata la miscela di luppoli;
  • Fly Jack, Hazy IPA con sole 96 calorie;
  • Double Jack, la Double IPA, disponibile in tiratura limitata, ha come caratteristiche la presenza di note resinose e aromi tropicali;
  • la serie Propagator, ideata nel birrificio Firestone a Venice;
  • la DBA, una British Pale Ale, fermentata esclusivamente in botti di quercia, ha sentori maltati ed erbacei, di vaniglia e frutta candita, in bocca sfumature di toffee inglesi;
  • Nitro Merlin, una Milk Stout dal gusto pieno e intenso, con note di caffè e schiuma persistente;
  • infine la Rosalie, una Grape Ale decisamente unica nel suo genere, fermentata con uve Chardonnay, Viognier, Sauvignon Blanc, Riesling e Muscat. L’ibis dona a questa birra la colorazione rosata e il suggestivo aroma.FIRESTONE WALKER

Nel 2006 nasce la linea Vintage, in seguito alla creazione di un blend celebrativo (Anniversary Ale X) in occasione dei 10 anni di attività del birrificio californiano.

Si tratta della Proprietor’s Vintage Series, una serie di produzioni in tiratura limitata, piccoli gioiellini maturati in botte che possono essere consumati fino a dieci anni dalla data di produzione, se conservati in maniera adeguata.

Infine il progetto Barrelworks, punta di diamante di Firestone Walker, che nasce da un’idea di Jim Crooks, microbiologo all’epoca addetto al controllo qualità del birrificio.

Ispirandosi ai Lambic del Belgio, iniziò a sperimentare con i lieviti selvatici e le fermenta zioni in legno, dando vita a quest’incredibile produzione.

Il progetto Barrelworks è affidato alla sede di Buellton, per non contaminare le produzioni delle altre linee sopracitate.

Garantire la qualità di un prodotto “vivo” come la birra Firestone Walker vuol dire avere a cuore le modalità di trasporto per farla giungere integra dagli States in Italia.

Quality Beer Academy, già agli albori del progetto di importazione, si è posta il problema e lo ha risolto allestendo una catena del freddo che permette in ogni momento del viaggio di queste craft beer di mantenere una temperatura costante di 4,4°C, quella cioè che ci fa gustare appieno la loro freschezza, la complessità degli aromi e del gusto, insomma ci permette di goderne il piacere della bevuta.

Banner Birreat
Redazione Birra&Sound
Birra & Sound è il punto di riferimento dei gestori dei locali. Notizie aggiornate sugli eventi più importanti del mondo della birra, le recensioni delle migliori aziende birraie, dei birrifici artigianali e dei locali. Birra&Sound è anche una vetrina per le aziende dell’indotto birraio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here