I benefici di un consumo corretto di birra

Bere Birra

Sono oramai innumerevoli gli studi condotti dai più disparati enti di ricerca sui benefici di un consumo corretto di birra.

Per la rubrica Birra e Salute oggi vi parliamo del corretto consumo e dei benefici della birra.
Storicamente è stato accertato che gli antichi Egizi e i Sumeri ne facevano largamente uso: i primi facevano fermentare i cereali e la bevanda che ne scaturiva la somministravano, previa diluizione con acqua e miele, ai bambini, inoltre era considerata un ottimo palliativo nel caso le madri non avessero il latte. In pratica alla birra veniva data una vera e propria valenza di medicinale.
Oggi, è chiaro, la birra è una bevanda completamente diversa da quella prodotta quattromila anni prima di Cristo, ma non disperiamo perché, accanto alla produzione industriale, è attiva e si sta diffondendo sempre più la produzione artigianale che ha, tra le sue caratteristica, un basso contenuto di additivi.
Ci sono birrifici totalmente “bio” che stanno inserendo sul mercato prodotti nei quali gli ingredienti principali, ovvero orzo, frumento e luppolo, provengono da colture biologiche; inoltre il mosto non è trattato con anidride solforosa e, per elevare ancor più la qualità, non viene utilizzato il processo di pastorizzazione, che andrebbe ad alterare e eliminare i principi nutritivi.
Chi ha la possibilità di bere una buona birra rimarrà colpito dal fatto che questa bevanda possa racchiudere dei benefici per la salute, sempre tendendo presenti i danni che gli alcolici possono provocare quando vengono assunti in eccesso.

Quanta birra bere?

La regola aurea per ciò che riguarda l’assunzione di alcolici parla di consumo moderato e consapevole, ovvero del tutto compatibile con la vita personale e sociale delle persone. Bere senza avere il controllo, bere nel momento, nel luogo e per motivazioni sbagliate significa invece bere in maniera non responsabile.
Cosa si intende per consumo moderato?
Esistono linee guida condivise dalla gran parte della comunità scientifica che indicano i limiti entro i quali il consumo di alcol si può considerare moderato.
È definita moderata una quantità giornaliera di alcol equivalente a non più di 2-3 Unità Alcoliche (36 grammi) per l’uomo, non più di 1-2 Unità Alcoliche (24 grammi) per la donna e non più di 1 Unità Alcolica (12 grammi) per l’anziano. 
Una Unità Alcolica (U.A.), corrispondente a circa 12 grammi di etanolo, è contenuta in una lattina di birra (330 ml) di media gradazione.

10 effetti benefici della birra

1) Colesterolo buono
Eric Rimm, ricercatore dell’Università di Harvard, ha scoperto che le bevande alcoliche possono ridurre del 30% il rischio di attacco cardiaco e far aumentare il così detto colesterolo buono, l’HDL, ovvero lipoproteine che trasportano il colesterolo dai vasi sanguigni al fegato dove verrà poi eliminato. Di conseguenza, a suo parere, alcolici come la birra potrebbero garantire benefici cardiovascolari.
2) Benefici per i reni
Una ricerca effettuata in Finlandia ha riscontrato che la birra ha un impatto negativo inferiore sui reni rispetto alle altre bevande alcoliche. Consumare birra, insieme a una dieta bilanciata, può contribuire a ridurre il rischio di sviluppare calcoli ai reni fino al 40%.
3) Migliorare la digestione
La birra, in particolare quella scura, può essere d’aiuto per migliorare la digestione; questo perché contiene circa 1 grammo di fibre solubili in ogni bicchiere da 300 millilitri, a differenza del vino che non contiene alcun tipo di fibra. La quantità presente nella birra è comunque piuttosto ridotta, ma è bene ricordare l’importanza delle fibre per la funzione intestinale e la digestione.
4) Prevenire il diabete
Nel 2009, uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Diabetes Care ha rivelato che bere alcol con moderazione può contribuire alla prevenzione del diabete di tipo 2 sia negli uomini che nelle donne. Il riferimento è sia a vini e liquori che alla birra. Il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 è risultato superiore negli astemi e in chi beveva alcolici molto spesso, rispetto a coloro che ne assumevano con moderazione, che apparivano più protetti.
5) Prevenire l’osteoporosi
Uno studio condotto di recente dall’Università di Cambridge ha rivelato che la birra potrebbe contenere un ingrediente segreto adatto a proteggere le donne dall’osteoporosi. La birra sarebbe una fonte di acido ortosilicico, che incoraggia lo sviluppo delle ossa. Gli esperti raccomandano comunque di scegliere birre artigianali e il meno raffinate possibile.
6) Migliorare la circolazione
Secondo uno studio condotto dall’Università di Harokopio, in Grecia, bere birra può fare bene al cuore e contribuire a migliorare la circolazione del sangue, in particolar modo rendendo più flessibili le arterie. Secondo i ricercatori greci, i benefici della birra sulla salute del cuore e sulla circolazione sarebbero da ricercare nel suo contenuto di antiossidanti.
7) Fonte di vitamina B
Forse non ne eravate a conoscenza, ma la birra contiene vitamine. È considerata una fonte di vitamina del gruppo B, in particolare di vitamina B6 e di vitamina B9, che sono importanti per proteggere il nostro organismo dalle malattie cardiovascolari. Un moderato consumo di birra, secondo uno studio olandese, può aiutare ad incrementare il contenuto di vitamina B6 nel sangue.
8) Ridurre il rischio di Alzheimer
Uno studio condotto di recente in Spagna suggerisce che il silicio contenuto nella birra potrebbe contribuire a proteggersi dagli eventuali effetti deterioranti dell’alluminio sul cervello, che da ricerche precedenti era stato correlato al rischio di Alzheimer. Lo studio, pubblicato sulla rivista Food and Chemical Toxicology, suggerisce che un consumo moderato di birra potrebbe essere considerato una componente normale delle abitudini alimentari della popolazione. Gli esperti dell’Università di Alcala ricordano comunque che il consumo di bevande alcoliche deve essere mantenuto entro certi limiti, che possono variare a seconda del sesso e dell’età.
9) Combattere l’insonnia
Bere un bicchiere di birra prima di andare a dormire potrebbe essere d’aiuto a chi soffre di insonnia. La birra, a differenza del vino, tende a generare torpore. Viene dunque indicata a chi fatica a prendere sonno come rimedio per cercare di contrastare l’insonnia. L’alcol contenuto nella birra svolgerebbe una blanda azione sedativa, mentre l’effetto soporifero della birra sarebbe dovuto al luppolo.
10) Ridurre ansia e stress
La birra può essere d’aiuto per chi soffre di ansia e stress? Secondo uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Montreal, in Canada, bere 2 bicchieri di birra al giorno può rappresentare un antidoto utile per ridurre l’ansia e lo stress, soprattutto se sono legati alla propria situazione lavorativa. Anche in questo caso, però, è importante non cadere vittime del consumo eccessivo di bevande alcoliche.

Banner Birreat
Redazione Birra&Sound
Birra & Sound è il punto di riferimento dei gestori dei locali. Notizie aggiornate sugli eventi più importanti del mondo della birra, le recensioni delle migliori aziende birraie, dei birrifici artigianali e dei locali. Birra&Sound è anche una vetrina per le aziende dell’indotto birraio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here