WACKYBREW a Casatenovo!

WACKYBREW

WACKYBREW nasce nel 2016 in Brianza un microbirrificio indipendente che produce birra artigianale con rigore e passione nella sua sede di Casatenovo (LC).

Da professionalità molto distanti fra loro, con quel pizzico di pazzia e di stravaganza con cui chi ha coraggio si lancia in nuove imprese, nasce il Wackybrew il cui mastro birraio, Lorenzo Motterlini, per primo fra i soci lascia, dopo un viaggio in Austria, il suo mondo di lavoro nell’informatica ed inizia a produrre birra in casa.

Lo fa con l’intelligenza di chi vuol crescere, frequenta corsi di formazione per acquisire le basi tecniche della produzione e si fa le “ossa” sul campo grazie all’affiancamento iniziale con Fabrizio Leo, un birraio italiano diplomato alla VLB di Berlino.

È così che ha origine il progetto microbirrificio, oggi una realtà che, dopo una prima fase in cui le birre venivano rifermentate in bottiglia, acquista un nuovo impianto che permette la produzione di birre a bassa fermentazione.

WACKYBREW

Nascono le ormai “storiche” Pils 2.0 e Youbock.

La Pils 2.0 deriva palesemente nel suo nome dalla ex attività di informatico di Lorenzo, ma vuole anche essere la versione pils di Wackybrew, una pils tedesca di 4,5° gradi con un bel cereale in bocca ed un finale amaro ma non invasivo.

La Youbock, alc 6,2% vol. , è anch’essa in stile tedesco, una bock ambrata, nobile ed elegante, dai toni caramellati e dal profumo maltato.

Negli anni, il birrificio Wackybrew orienta la sua produzione verso altri ceppi brassicoli.

Nasce così la linea britannica con la Royal Baby, una golden ale di gradazione 5% vol., dall’amaro persistente e dal retrogusto secco.

Seguita dalla Wacky Ipa, g.a. 6% vol., profondamente legata alla tradizione delle India Pale Ale, leggermente ambrata, con un amaro intenso ed aromatico.

Per poi chiudere la linea con la Lady’s, amber ale di alc 5,8% vol., ambrata, facile da bere e dal profumo intenso ed avvolgente.

Frequenti sono visite dei soci di Wackybrew nei birrifici di Germania, Austria e Repubblica Ceca, di Inghilterra e Irlanda, di Belgio e Olanda, alla ricerca di spunti, di riflessioni e di quei segreti che si nascondono nelle mani e nei sensi dei grandi mastri birrai.

Che hanno stimolato altre produzioni come la Winter Belgian, una belgian style di 8° alcolici, di colore scuro, dal gusto morbido e rotondo con note floreali date dall’aggiunta di fiori di ibisco.

Non è mancato un approccio al mondo americano, con la Beach Way di g.a. 4% vol., una session IPA con spiccate note citriche e floreali.

E la Ciapa, un’american pale ale di alc 5% vol., brassata con luppoli americani dagli intensi aromi fruttati in equilibrio con la parte maltata e con un amaro bilanciato.

La passione guida il birrificio, unita ad un grande rigore nella scelta dei fornitori e delle materie prime.

Ogni fase del processo produttivo è curata nei dettagli, fino al confezionamento, così come è particolarmente curato il modello di consumo con il servizio ad hoc.

Oggi possiamo affermare che il Wackybrew, con il suo impianto che permette la produzione di 1000hl l’anno, ha affermato la sua presenza sul mercato lombardo e recentemente ha attivato una collaborazione con partners del Veneto.WACKYBREW

Banner Birreat
Redazione Birra&Sound
Birra & Sound è il punto di riferimento dei gestori dei locali. Notizie aggiornate sugli eventi più importanti del mondo della birra, le recensioni delle migliori aziende birraie, dei birrifici artigianali e dei locali. Birra&Sound è anche una vetrina per le aziende dell’indotto birraio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here